Polpo e peperoni

Polpo e peperoni

(Ricetta dei paesi di mare del crotonese)

Ingredienti per 4/6 persone

Tempi di preparazione: 20 minuti circa, più 20 minuti di cottura del polpo

1 polpo di almeno 1 Kg

1 Kg di peperoni verdi tondi, leggermente piccanti (quelli tipici del sud, noti anche come “poponi”)

olio evo

Uno spicchio di aglio

Pepe in grani

Uno spicchio di limone

Una foglia di alloro

Sale

In una pentola abbastanza grande metti abbondante acqua, una foglia di alloro, una manciata di grani di pepe e uno spicchio di limone. Porta a ebollizione e poi tuffaci dentro il polpo eviscerato e lavato. Cuoci per circa 20 minuti e poi controlla con la forchetta che sia abbastanza tenero. Se la forchetta non fa fatica a bucare la carne del pesce, allora scola tutta l’acqua e lascialo raffreddare nella pentola in cui lo hai cotto (questa accortezza, suggeritami da un pescivendolo, dovrebbe evitare che il polpo si indurisca).

Intanto  lava e asciuga i peperoni, tagliali e privali delle nervature bianche e dei semi (specie se sono piccanti). Poi Mettili in una padella ampia (che poi possa anche contenere il polpo) con abbondante olio extravergine di oliva e uno spicchio. Condisci di sale e cuoci a fiamma vivace per 15 minuti circa.

Nel frattempo, taglia il polpo ormai raffreddato a pezzi e uniscilo ai peperoni fritti. Cuoci per altri 7/10 minuti.

Puoi servire la preparazione sia calda sia a temperatura ambiente.

Accompagna il piatto con fette di pane lievitato naturalmente e cotto al forno a legna.

I miei suggerimenti e altre proposte simili:

Questa ricetta ha una variante con le alici. Ma in questo caso, dopo aver fritto i peperoni, si devono mettere da parte. Poi, nell’olio usato per cuocere i peperoni, bisogna saltare le alici (private di testa e lisca) per 4/5 minuti. Infine, si uniscono i peperoni ai pesci e si fanno saltare insieme per un altro minuto.

Sul vino che accompagna il piatto la scelta può essere varia, considerato che si tratta di una preparazione che prevede sia i prodotti del mare sia quelli della campagna: un Gravello (se vogliamo un rosso importante); un Critone (se vogliamo restare su un classico bianco che accompagna il pesce);  infine, un Cirò Doc Rosato (se non si hanno le idee chiare…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!